Assicurazione della casa contro i terremoti

State valutando l’opportunità di assicurare la vostra casa contro i terremoti? La scelta è sicuramente consigliata. Vediamo perché.

Si tratta di un tema scottante e quanto mai attuale, soprattutto alla luce dei tristi avvenimenti capitati negli ultimi anni, e purtroppo ancora irrisolti, che hanno riguardato il Centro Italia. In una nazione come la nostra – sismica per conformazione geografica – migliaia di paesi e città sono state costruite su falde sensibili e in zone ad alta probabilità di sisma. Per questo, assicurare il proprio immobile contro i danni da terremoto e calamità naturali è fondamentale, ma – malgrado sia possibile sottoscrivere polizze in tal senso da molti anni – secondo i dati sembra che solamente l’1% degli italiani abbia assicurato la propria casa contro questo tipo di evento.

E questo dato è così tragicamente basso perché ad oggi non c’è nessun obbligo di stipulare alcuna polizza contro i terremoti. Dobbiamo ricordare però che nel 2012, con il governo Monti, si era presa la decisione di rendere obbligatoria l’assicurazione antisismica per tutti gli edifici privati, ma in concomitanza con l’evento del sisma in Emilia tutto venne improvvisamente bloccato dalle varie lobby, con il risultato che la proposta di legge fu ritirata perché questi eventi – così venne gustificata la decisione – non costituiscono casistiche rilevabili in tutto il territorio italiano.
assicurazioni casa contro terremoto

In realtà questa informazione è tutt’altro che reale, come ci ripetono spesso (purtroppo sempre nei giorni post-terremoto) i più grandi geologi del nostro tempo, che evidenziano come tutta l’Italia – con le dvute differenze da zona a zona – sia un Paese sismico. E allora? Sebbene non sia particolarmente economico, è opportuno prevedere per tempo la stipula di una polizza contro i terremoti, magari proprio quando si compra o si decide di ristrutturare la propria casa. In molti casi, questa è una valutazione che viene fatta dopo l’avvento del terremoto, quando ormai non è più possibile fastipularla.

In base ad uno studio dell’Ania, l’associazione nazionale delle assicurazioni, un proprietario di casa potrebbe arrivare a pagare una cifra variabile in base alla metratura dell’immobile e con un differenziale tra i 2,50€ al mq fino ad un massimo 4€ al mq, in base alla zona di sismicità dove è collocato l’immobile. A questa somma deve essere aggiunto il costo del premio minimo di partenza. Questo importo sarà da aggiungere alle normali polizze che ogni banca richiede in sede di concessione di mutuo ipotecario.

Ricordiamo anche che l’importo che le compagnie liquideranno al contraente non saranno mai rimborsabili per l’intero valore di ricostruzione a nuovo del fabbricato, tuttavia prevedono una percentuale dello stesso che va dal 30% al 70% (questo succede soprattutto nelle Appendici Terremoto all’Assicurazione Casa, ed infatti a tale scopo consigliamo di stipulare una Polizza distinta per alluvioni, inondazioni e terremoti).

Le compagnie assicurative che operano in Italia classificano l’assicurazione contro il terremoto e le calamità naturali (cioè inondazioni e alluvioni) come “polizze a valore”, in quanto vengono previste tariffe di rimborso dei danni derivati in base al territorio in cui è locata l’abitazione e prevedono un rimborso diverso in base all’intervento, sia esso la ricostruzione della casa o la totale ristrutturazione, fino all’acquisto di un nuovo immobile, in base all’entità dei danni subiti. In fase di sottoscrizione, farete bene a controllare la decorrenza della copertura della polizza in quanto nelle note le compagnie si tutelano sottolineando che “… la copertura è valida dal 15esimo giorno successivo alla data di pagamento del premio…”.

assicurare casa contro terremoti

In parole povere, durante i primi 15 giorni, gli eventuali danni arrecati al fabbricato da un terremoto non sarebbero indennizzabili. La polizza normalmente risarcisce tutte le tipologie di danni causati dal sisma e/o dalla calamità naturale che si verifica, in base alle garanzie e alle clausole contrattuali stabilite in fase di sottoscrizione, ma anche gli eventuali danni subiti da furti, rapine, verificati in quella circostanza, comprendendo l’assistenza legale e la responsabilità civile. Prima di sottoscrivere il contratto, è importante verificare il massimale entro il quale la compagnia rimborsa i danni al fine di evitare di rimanere scoperti nei casi più estremi di perdita totale dell’immobile, ogni tipologia di sinistro, evidenziando i parametri di calcolo del risarcimento dopo la verifica degli eventi per cui si è assicurati. Ad esempio, va sottolineato che per le compagnie assicuratrici un fattore da considerare è la sequenza di eventi sismici avvenute, infatti normalmente le scosse registrate nelle 72 ore successive ad ogni evento sono considerate parte dello stesso evento sismico e quindi danno origine ad “un solo Sinistro”.

Questo è un aspetto positivo e fondamentale in quanto le compagnie inseriscono delle franchigie importanti e se ogni scossa fosse considerata come singolo sinistro, non verremmo mai risarciti dalla compagnia. Un sisma è caratterizzato normalmente da una sequenza di eventi ravvicinati (o entro le 72 ore) e i danni dovranno essere quantificati dai periti delle compagnie solo dopo che gli eventi sono scomparsi definitivamente o fortemente attenuati.  In tema di franchigie, sottolineiamo che – in caso di alluvione, inondazione o terremoto – queste possono essere molto elevate e di norma si aggirano attorno al 20% del danno per lo scoperto.

Come detto nella stessa polizza, è contemplato anche il danno da calamità naturali, che però escludono i danni causati da un maremoto o uno tsunami (anche se originati da Alluvione, Inondazione o Terremoto), quelli causati da un’eruzione vulcanica (e l’Italia ha vari vulcani attivi come Etna o isole Eolie) terrorismo o sabotaggi (si tratta di eventi Socio-Politici) e naturalmente non copre i danni per fabbricati che non sono conformi alle Norme Antisismiche vigenti alla data di costruzione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Privacy Preference Center

Close your account?

Your account will be closed and all data will be permanently deleted and cannot be recovered. Are you sure?